Tradizioni di Pasqua: germogli di grano per i Santi Sepolcri.

La Pasqua per tutti i credenti è un momento di riflessione e tradizione. Oggi ti raccontiamo quella dei germogli di grano da portare ai Santi Sepolcri la sera del mercoledì santo.

L'Italia è un paese ricco di storia e di storie. Storie da raccontare e tramandare che si uniscono a piccoli gesti che di anno in anno sono arrivati fino a noi. Uno di questi è quello della preparazione dei germogli di grano che vengono portati in chiesa la sera del mercoledì santo e che adornano i Santi Sepolcri.

La tradizione vuole che questi germogli debbano essere chiari, di un colore giallino, quasi simile a quello del grano, dal quale si trae la farina e quindi l'ostia che simboleggia il corpo di Cristo.

Se anche tu quest'anno vuoi ricordare questa tradizione, oggi ti spieghiamo come preparare a casa il grano santo.

Cosa ti occorre?

1) Sottovasi, piatti o vassoi di plastica
2) Ovatta
3) Semi di grano
4) Spruzzino o nebulizzatore

Il periodo ideale per preparare i germogli di grano è circa 20-25 giorni prima del mercoledì santo.

Stendi sul contenitore che hai scelto uno stato di ovatta alto circa 2 cm.

Bagnalo per bene, stando però attento che non ristagni acqua. Disponi quindi sul cotone i semi di grano ad una distanza di circa 1 cm l'uno dall'altro.

A questo punto conserva il grano in un luogo fresco e buio, in modo che non entri mai la luce.

Dopo 2-3 giorni dovresti iniziare a vedere i primi germogli, inizia quindi ad annaffiare a giorni alterni così che l'ovatta sia sempre umida ma mai impregnata d'acqua.

Il giorno in cui porterai il tuo grano ai Sepolcri, adornalo con fiori freschi di campo.

Conoscevi già questa antica tradizione? Avevi mai preparato il grano da piccolo? Ti aspettiamo qui sul sito per condividere i tuoi racconti e per scoprire tanti particolari delle nostre tradizioni italiane.