Il Padrino di Battesimo - Requisiti e documenti necessari

Quali sono i requisiti del padrino e quali sono i documenti che occorrono per ottenere il certificato di idoneità di Padrino di Battesimo.

Se siete stati scelti per ricoprire l'importante ruolo del Padrino in un battesimo di un vostro nipote o di un figlio di amici, dovete sapere che è necessario rispondere a determinati requisiti e fornire una documentazione che attesti la vostra idoneità per questo incarico.

L'idoneità del padrino è valutata in base a requisiti religiosi e di coerenza con la dottrina cattolica, ma anche in base alle attitudini per ricoprire un ruolo nella futura crescita e educazione religiosa del bambino che deve essere battezzato

Prima di vedere i quali sono i documenti necessari, vediamo quali caratteristiche bisogna avere per potersi presentare come Padrino.

Requisiti del Padrino di Battesimo

Per prima cosa il futuro Padrino deve aver compiuto sedici anni, deve essere designato dai genitori del battezato, deve avere ricevuto tutti i sacramenti dell'iniziazione cristiana, quindi Battesimo, Confermazione e Eucarestia e soprattutto deve appartenere alla Chiesa Cattolica.

Deve confessarsi regolarmente e andare a Messa ogni domenica e ad ogni festività, deve credere a tutto quello che la Chiesa professa, non può essere il padre o la madre del battezzando, alcuni dicono che non si può fare il Padrino se si è sposati solo civilmente, errato questo avviene da Chiesa a Chiesa, alcuni accettano lo stesso persone sposate con solo il rito civile, quindi è bene informarsi e fare un colloquio con il Parroco.

Un altro requisito che bisogna avere per fare il Padrino è quello di non essere separati e conviventi (non sposati) con un altra persona, quindi, non è possibile proporsi come padrini se si è:

  • Divorziati,
  • separati che convivono,
  • conviventi

Se non siete divorziati, ma solo separati o se siete state costretti a subire un divorzio: potete proporvi come Padrino, informando di ciò il Parroco .

Documento di idoneità del Padrino

Quindi per poter fare il Padrino bisogna rivolgersi al Parroco della Parrocchia dove si è domiciliati e portare, come documenti, l'estratto del proprio Battesimo e quello della Cresima

A questo punto, il Parroco vi darà un certificato di idoneità che dovrete consegnare  alla Parrocchia dove avverrà il Battesimo, per valutare la vostra attitudine a ricoprire questo ruolo

Una volta portati i certificati di Battesimo e Cresima, il Parroco vi consegnerà un modulo da compilare, questo modulo si chiama "Certificato di Idoneità" che serve per dare più informazioni possibili al Parroco sulla persona che si propone come Padrino.

Il certificato di Idoneità è un giuramento che si fa davanti a Dio, quindi bisogna essere consci di ciò che si sta per fare e di ciò che si sta per scrivere, bisogna prima di tutto avere conseguito, come avevamo scritto prima, ai sacramenti Battesimo, Confermazione e Eucarestia, ma soprattutto bisogna mantenere parola di ciò che si sta promettendo e delle regole da seguire per poter fare il Padrino, ve le ricordate? Non essere divorziati, avere sedici anni e così via.

Questo certificato è composto così; Comincia con la descrizione della Parrocchia a cui fate parte voi e dove verrà Battezzato il bimbo, quindi, nome della Parrocchia, il Comune dove è situata la Parrocchia, la via, il numero la provincia e il C.A.P e ovviamente il nome e cognome del figlioccio.

Fatto ciò ci dovrete compilare una sezione con i vostri dati, ovvero: il nome e il cognome del Padrino, il luogo e la data di nascita e la data di quando avete ricevuto il Sacramento del Battesimo e oviamente la richiesta per fare il Padrino: "richiedo di essere ammesso all'incarico di Padrino" etc etc.

Ci sarà successivamente un paragrafo per le annotazioni sulla Cresima e sul Matrimonio, qualora non vi fossero annotazioni a riguardo, scrivete "nessuna annotazione di Cresima o nessuna annotazione di Matrimonio.

Se invece ci fossero delle annotazioni a riguardo allora dovrete scrivere quando avete ricevuto il Sacramento della Cresima e in quale Parrocchia, lo stesso vale per quanto riguarda il Matrimonio.

Altre annotazioni riguardano ciò che abbiamo descritto prima, ovvero, il Padrino dovrà scrivere se è o meno Divorziato se frequenta regolarmente la Messa, tutto ciò lo troverete qualche paragrafo più in alto.

Finito di scrivere per bene tutti i dati vostri, alla fine del modulo si scriverà la data del rilascio e, a questo punto, il Parroco timbrerà e firmerà.

Tenete presente che non tutti i moduli di Idoneità sono identici a come ve li abbiamo descritti ora, saranno molto simili, alcuni chiederanno più cose altri meno, valgono comunque tutti quanti come certificato di Idoneità.

Qualora non foste idonei per questo incarico, sempre a seconda del parare del Prete non potrete addempiere all'incarico di Padrino, invece se risultaste idonei con la firma ed il timbro del Parroco sarete subito ammessi come Padrini del piccolo.