Menù di Pasqua

In tanti sono già al lavoro per potersi garantire una tavola imbandita in maniera ottimale e soprattutto un'accoglienza per parenti ed ospiti da fare invidia. Stiamo parlando del pranzo di Pasqua, durante il quale il menù sarà il grande protagonista di una festività che sempre più sta diventando anche un'occasione rara per stare insieme alla famiglia per intero.

Le massaie stanno già pensando quindi a cosa comprare per fare bella figura e per assicurarsi una riuscita che possa soddisfare tutti i presenti al pranzo di Pasqua e bando alle raffinatezze, quest'anno, in cui la crisi si è fatta sentire come poche altre volte, è necessario fare di necessità virtù e cercare di preparare piatti gustosi senza spendere una fortuna.

Per questo motivo, sempre di più tutte le donne che stanno ai fornelli hanno deciso di optare per i piatti ricchi ma allo stesso tempo poveri della tradizione. Si va dalla classica pasta al sugo al forno con uova, piselli, sugo, salumi e formaggi a cubetti fino ad arrivare alle classiche lasagne che sembrano non fare distinzioni tra Natale e Pasqua o alle paste più elaborate che comunque prevedono l'utilizzo di formaggi, besciamelle, salse ed intingoli veramente raffinati.

Questo è quanto per ciò che riguarda essenzialmente i primi piatti. Per il secondo, anche se si è tutti concordi nell'affermare l'agnello sia l'animale sacrificale da apporre sulla tavola della Pasqua, così come tradizione vuole, esistono diverse e ottime varianti che possono essere preparate senza il timore di non fare bella figura.

In particolare parliamo di coniglio alla cacciatora o di arrosti e rosbif che vengono accompagnati di solito da intingoli, salse e pinzimoni di ogni genere, con erbe aromatiche e spezie dalle mille e una notte. Il pesce invece, solitamente non si mangia, anche perché si è fatto il sacrificio di non mangiare la carne per tutta la Quaresima quindi non mangiare la carne sarebbe uno spreco.

Per quello che riguarda invece i contorni, si può scegliere tra una miriade di verdure, meglio se di stagione come carciofi, cicoria ripassata in padella o bietola, patate al forno con rosmarino e pomodorini oppure ancora broccoletti e cime di rapa che danno un gusto più forte ai vostri secondi.

E infine, sulla tavola, accanto alle uova di Pasqua al cioccolato è bene che non manchino mai i dolci. Frutta secca e tortini, insieme alle colombe chiuderanno un pranzo di Pasqua davvero indimenticabile.
Attenzione però a non strafare: è meglio cucinare poche cose ma buone!