Idee pranzo di Natale: menù vegano

Le ricette tradizionali di Natale non sono amate da chi ha scelto un'alimentazione vegetariana o vegan. Ecco quindi un menu di Natale vegano che soddisferà i palati degli animi più sensibili.

Il Natale è ormai sempre più vicino, e di pari passo si avvicina il momento delle spese, dei regali, degli addobbi e dell’organizzazione del grande pranzo. E’ un momento di festa, l’occasione per ritrovarsi con familiari e parenti che non vediamo spesso, ma può diventare anche, purtroppo, fonte di stress. Non è facile infatti barcamenarsi tra lo shopping, il lavoro, la cura della casa, i parenti e la cucina, soprattutto quando dobbiamo anche pensare a fare qualcosa di diverso dal solito o quando abbiamo, ad esempio, ospiti vegetariani o vegani.

Molti si chiederanno, nonostante il boom che c’è stato di questa filosofia di vita, cosa significhi essere vegani. Semplice. Vuol dire evitare tutti i cibi di derivazione animale e che contengono, anche in minima parte, ingredienti o componenti di origine animale. Niente uova, niente latte, niente burro, niente pesce, niente formaggi, ovviamente al bando ogni tipo di carne e tante altre cose che magari neanche ci vengono in mente.

Per ovviare a questo dilemma, abbiamo cercato di venirvi in aiuto proponendovi un’idea menù per il vostro pranzo di Natale vegano, e direi che, almeno dai suggerimenti, il risultato non è affatto male, anche a dispetto dei tradizionalisti che non potrebbero mai pensare di rinunciare al cappelletto in brodo o alla faraona ripiena.

Vediamo quindi quali sorprese ci riserverà questo pranzo di Natale dal menù vegano.

0 Antipasti

L’idea è quella di iniziare il pranzo di Natale con qualcosa di sfizioso, diverso dal solito antipasto e che rispetti i canoni di questa cucina alternativa. La nostra proposta è quindi costituita da un’insalatina di farro, ammorbidita da un gustoso pesto di rucola che renderà il tutto decisamente sfizioso e saporito e da un crostino di pane integrale (preferite quello acquistato in panificio rispetto a quello che potete trovare già confezionato a lunga conservazione) con patè di olive nere e capperi, anche questo decisamente saporito. Tocco che i vostri ospiti vegani apprezzeranno sicuramente, sarà un filo d’olio a crudo, sia sull’insalatina che sul crostino, proveniente magari da una coltivazione a chilometro zero.

1 Primi

I primi, essendo il tratto d’unione tra il primo ed il secondo, devono essere gustosi, consistenti ma non eccessivamente pesanti, altrimenti si correrebbe il rischio di penalizzare la portata seguente. Per questo, nel nostro menù vegano di Natale, consigliamo una zuppetta di funghi, che riscalderà animi e corpi senza appesantire, seguita da cavatelli di grano saraceno con crema al basilico e tofu, gradevoli alla vista ed al palato.

2 Secondi

La vera novità di questo pranzo di Natale vegano sarà il secondo. Un’idea davvero originale e che incuriosirà anche i commensali non vegani: seitan brasato al vino rosso. Un modo per non farci mancare la brasatura, stando però attenti ad evitare le proteine animali. Un consiglio è quello di marinare il seitan come un classico brasato per tutta la notte (con vino rosso, cipolla, chiodi di garofano, aglio, pepe nero in grani e rosmarino), rosolarlo in olio evo e versare la marinatura. Una volta cotto, togliete i chiodi di garofano e l’aglio e frullate la riduzione che vi servirà da salsina di accompagnamento.

3 Contorni

Verdure, verdure, verdure; ecco il mantra che dovrete far vostro per realizzare questo menù di Natale vegano. Le nostre proposte sono una tempura di verdure, allegra e croccantissima, abbinata a delle particolarissime crocchette di broccoli (per addensare il composto in modo da renderlo più lavorabile usate la farina di ceci) arricchite da un po’ di tofu aggiunto all’impasto. Per farle diventare ancora più sfiziose, prima di friggerle potete passarle nei semi di sesamo o nella farina da polenta.

4 Dolce

Che pranzo di Natale sarebbe senza un dolce degno dell’occasione…?! Per accontentare tutti e solleticare il palato alla scoperta di consistenze morbide e vellutate, il nostro suggerimento per il dolce è una mela caramellata affogata al cioccolato, ricoperta poi di granella di pistacchio o della frutta secca che più preferite, che a Natale non manca mai nelle nostre case. Se poi volete rendere questo dolce ancora più goloso potrete arricchire la fonduta di cioccolato con del liquore dolce e aromatico. Un ultimo consiglio è quello di cuocere la mela in forno con la buccia, in modo che non collassi.

Vi abbiamo incuriosito con questo menù di Natale vegano? Attendiamo i vostri commenti!