Storia del Presepe

La storia del Presepe, le origini della tradizione del presepe. La realizzazione del presepe è una tradizione particolarmente diffusa nelle regioni meridionali, mentre le popolazioni del nord sono più legate all'abero di Natale.

Le prime rappresentazioni della natività cristiana risalgono a circa cento anni dopo Cristo ed erano affreschi eseguiti nelle catacombe. Col passare del tempo la nascita di Cristo venne arricchita di nuovi particolari e personaggi come il bue, l'asino, i magi e i pastori. Ma per arrivare al primo presepio come viene inteso oggi, con vari personaggi e scenografia, bisogna arrivare al 1283.

Nei secoli seguenti i presepi furono composti con grandi figure e sistemati in maniera permanente nelle chiese. Il 1700 fu il secolo d'oro del presepio che, dalla città di Napoli, si diffuse nel mondo. Con il presepio napoletano le figure diminuirono di proporzione e aumentarono in numero.

I rapporti di commercio che si aprirono tra Napoli e la Spagna durante la dominazione borbonica, fecero conoscere l'uso del presepio anche in Catalogna, in Provenza e in tutta la Francia. Le associazioni di amici del presepio sbocciarono, nella seconda metà del 1800, in vari paesi d'Europa e sono ancora oggi molto numerose in Spagna, Austria, Germania e Italia. Musei e collezioni private hanno raccolto presepi che altrimenti sarebbero andati perduti.

Tra i maggiori sono il museo di San Martino di Napoli, di Aix-en-Provence e il Bayerisches Nationalmuseum di Monaco, che possiede una raccolta di presepi di tutti i tempi e paesi unica al mondo. Si possono distinguere due tipi di presepio: quello storico e quello popolare. Il presepio storico è quello che riproduce fedelmente l'ambientazione, i personaggi e l'abbigliamento dell'epoca storica in cui è nato Gesù.

Il presepio popolare è invece ambientato negli spazi in cui si vive o in luoghi fantastico-simbolici. Il presepio è stato costruito con tutti i materiali che si possono immaginare, ed è raffigurato su pastorali, ostensori, anelli, monete e francobolli.

La costruzione deve essere guidata dal buon gusto, evitando infantilismi e banalità, ricordando che la preparazione di un presepio significa anche esprimere un messaggio religioso.